dal Barocco al contemporaneo

 CURRERI SITO

 

- Tutti i ragazzi della Scuola Secondaria hanno vissuto due eventi di Educazione musicale nel salone della Scuola.

Martedì si sono incontrati con Currreri, il cantante degli Stadio, che ha dato testimonianza del suo percorso artistico ed esistenziale e ha cantato assieme a loro, travolgendo e facendosi travolgere.

 

- Mercoledì mattina i sei musicisti dell’ensemble Orpheus diretti da Nicola Valentini, hanno eseguito Le quattro stagioni di Vivaldi intervallate da esegesi del testo musicale e poetico.

 

Grazie a chi crede e lavora per coltivare la sensibilità dei nostri ragazzi.



il seminatore di wan gogh

Si inizia un nuovo viaggio…

Agli alunni dico: continuate a guardare e a conoscere il mondo con occhi da 

bambini, se volete lasciare una traccia luminosa dietro di voi.

Ai docenti dico:

Come tener vivo un stile fecondo di insegnamento?

Come tener viva una coinvolgente passione per l’insegnamento?

Cercando di essere, non solo insegnante, ma vero maestro.

Ai genitori dico: non è un trattato di pedagogia,

né sono i buoni consigli ad aiutarci nel ruolo di educatori che ci accomuna,

ma piuttosto” il messaggio di fiducia: Dio ha educato ciascuno di noi e tutti noi.

Dio continua a educare.

Noi educatori siamo suoi alleati: l'opera educativa non è nostra, è sua.

Noi impariamo da lui, lo seguiamo, ed egli ci guida e ci conduce”.

(Da una lettera past. del card. C.M.Martini)



 

 

ELEFANTE

diciamo grazie

a tutti i nostri ragazzi della Scuola sAN vINCENZO che, accompagnati dai loro insegnanti,

sabato 26 Novembre

dedicheranno il loro tempo alla colletta alimentare, mettendosi al servizio dei bisognosi,  accogliendo l’invito di  Papa Francesco

“NON SI PUÒ DISTOGLIERE LO SGUARDO E VOLTARSI DALL’ALTRA PARTE PER NON VEDERE LE TANTE FORME DI POVERTÀ CHE CHIEDONO MISERICORDIA , …cioè UN’AZIONE CONCRETA, […].

un COINVOLGERSI LÌ DOVE C’È LA FAME, con GESTI QUOTIDIANI CHE RENDONO VISIBILE L’AGIRE DI DIO IN MEZZO A NOI,

…e fanno SENTIRE AMATA UNA PERSONA CHE SOFFRE."
(3 SETTEMBRE 2016, PIAZZA SAN PIETRO)